Sei qui: Home

I RITI DELLA SETTIMANA SANTA A CANICATTINI BAGNI, TRA FEDE, STORIA, CULTURA E TRADIZIONI

Scritto da Gaetano Guzzardo    Mercoledì 20 Aprile 2011 18:55

 

santissumu_cristuCon la Via Crucis di mercoledì 20 aprile, dopo un lungo periodo quaresimale nei quartieri e nelle Chiese della cittadina, promossa e animata dall'AGESCI, Gruppo Scout Canicattini 1, con inizio dalla sede di Via Principessa Jolanda, percorrendo tutta la salita e la scalinata di Via Cavour, per concludersi alla "Vera Cruci" in Via Roma, i canicattinesi rivivono e partecipano alle rappresentazioni della S. Pasqua, che come sempre si fondano in un insieme di devozione e tradizioni. Il momento più toccante, ricco di fede, di cultura popolare e di tradizioni, è però è quello del venerdì 22 aprile, quando tutta cittadina partecipa alla lunga processione del Venerdì Santo con l'uscita della statua lignea del '600 del "Santissimu Cristu" e la presenza dei "Nuri", devoti vestiti di bianco con una mantella rossa sulle spalle, un corona di spine intrecciata sul capo ed una canna in mano, che intonano, lungo il percorso, "U Lamientu", un tradizionale canto di dolore, rigorosamente in dialetto siciliano, che si tramanda di padre in figlio, dove si intrecciano dolore, tormento, pianto e sofferenza della passione di Cristo e della Madre Maria. In questa serata il paese offre uno spettacolo unico, ricco di devozione e tradizione che non si ripete in nessun altro Comune della Sicilia. Il venerdì al tramonto ha così inizio la processione del Cristo flagellato. Dopo la funzione religiosa nella Chiesa Madre di Piazza XX Settembre, al pronunciamento della parola "Ecce Homo" , viene svelato il simulacro che viene posto nel fercolo di stile gotico. Inizia così la processione, con in testa lo stendardo alto, pesante e nero, che una volta i "massari" della cittadina si contendevano all'asta, a suon di tumuli di grano, sino a quando si "libbirava u stinnardu". Durante la lunga processione per le vie della cittadina i "Nuri", che precedono il simulacro, eseguono un canto popolare "U lamientu ro Santissimu Cristu" al quale si alterna "U Cantu re Virginieddi" vestite di bianco.

Lungo il suo percorso la processione si soffermerà al 117 di Via Garibaldi, "na casa di Pinieddu", dove in una nicchia sul prospetto è raffigurato il simulacro del Cristo flagellato, per ricordare le soste che un tempo i "Nuri" facevano nelle case di amici e parenti che gli offrivano da bere. Nella sosta nella casa di Pinieddu, per tradizione, molti canicattinesi emigrati all'estero, soprattutto dagli Stati Uniti, sono soliti chiamare amici e parenti per sentire al telefono "U Lamientu".

Domenica 24 aprile, infine, tra migliaia di cittadini, "A Paci Paci", tre incontri tra i simulacri della Madonna Addolorata, che abbandonato il velo nero indossa quello azzurro, e il Cristo Risolto.

Il primo incontro davanti alla Chiesa di Maria SS. Ausiliatrice (U Santuzzu), il secondo in Via XX Settembre, davanti alla Chiesa delle Anime Sante,  e il terzo in piazza davanti alla Chiesa Madre.

Tanti anche i momenti culturali  e le mostre, come quelle che si terranno al Museo dei Sensi e al Museo del tessuto e dell'Emigrante in via De Pretis 18, con "Il volto sfigurato", sui percorsi storico - iconografici dalla sacralità del lino alla sacralità della Sindone, che ha aperto i battenti martedì 19 aprile, dalle ore 19,00 alle 22,00,  per concludersi domenica 24 aprile; e ancora, sempre al Mu.Se.C.,  giovedì e venerdì, alle ore 18,45 "U trapassu ranni e u trapassu nicu" - "Le erbe amare e il ciclo pasquale".

Ed inoltre, al Centro Culturale "Teresa Carpinteri" di via XX Settembre dal 20 al 26 aprile dalle ore 18,00 alle ore 20,00 la mostra di Sergio Carpinteri e del Museo delle Memorie e Ricordi dei Canicattinesi dallo stesso diretto, "L'ultima pasqua (prima dell'Apocalisse)" -  "C'è su (Benedetto)".

Il 22 aprile, a cura del Gal Val d'Anapo,  alle ore 19,00 "Est Finis?",  vetrina del Museo dei Sensi - e sempre il 22 alle ore 20,30 scalinata di via La Vecchia "La croce si erge sul Golgota".

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 20 Aprile 2011 19:14 )
 

Comune di Canicattini Bagni Via XX Settembre 42 96010 Canicattini Bagni (SR) 

Tel. centralino 0931540111 -  Fax 0931540207 - P. IVA N. 00094260890

Email: info@comune.canicattinibagni.sr.it  - PEC:  comune.canicattinibagni@pec.it   

  XHTML Valido -  CSS Valido - Accessibilità - Privacy