Sei qui: Home

Firmato e pubblicato il primo Dpcm del nuovo Governo che detta le misure anti Covid-19 dal 6 marzo al 6 aprile 2021, fino a dopo Pasqua

Scritto da Gaetano Guzzardo    Mercoledì 03 Marzo 2021 11:00

dpcmFermo restando tutta la parte contenente le norme di prevenzione per arginare i contagi, già previste anche nei precedenti Dpcm, come cancellazione di manifestazioni ed eventi, possibilità per i Sindaci di chiudere aree di assembramento, e le misure quotidiane ricordate anche dalle Ordinanze del Presidente della Regione, come divieto di assembramento, rispetto distanza interpersonale, uso della mascherina al chiuso e all’esterno, igienizzazione delle mani  (in Sicilia vige anche l’obbligo di registrarsi sul sito www.siciliacoronavirus.it e di sottoporsi al tampone se si entra nell’Isola), il nuovo provvedimento governativo a firma del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, prevede alcune novità, restringendo ancora di più le misure nelle zone rosse e prevedendo l’inizio di riapertura di alcune attività in zona gialla.

 

 

Chiuse le scuole in zona rossa

Questa una delle novità del Dpcm, ovvero la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado (quindi anche elementari e medie) nelle zone rosse e ovunque dove si registri un'elevata circolazione del virus, con 250 positivi ogni 100 mila abitanti.

 

Spostamenti e seconde case

Rimane in vigore sino al 27 marzo 2021 il divieto degli spostamenti tra le Regioni, anche se in zona gialla. Ci si potrà muovere tra le Regioni solo per motivi di salute, necessità o lavoro ed è sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Per quanto riguarda gli spostamenti interni alle Regioni, in zona arancione non è permesso andare al di fuori del proprio Comune (salvo che per comprovate esigenze), mentre chi abita in zona rossa non può uscire di casa se non per i soliti motivi di lavoro, salute o urgenza. In zona gialla ci si può spostare liberamente all'interno della propria Regione, sempre nel rispetto del coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.

Per quanto riguarda gli spostamenti verso le seconde case, sono consentiti in zona gialla e in zona arancione. Può andare verso la seconda casa solo il nucleo familiare, quindi non con amici o altri parenti. Se la propria seconda casa si trova in zona rossa non sarà possibile raggiungerla, anche partendo dalla zona gialla.

 

Bar e ristoranti

Bar e ristoranti rimangono chiusi al pubblico in zona rossa e arancione, mentre in zona gialla sono aperti solo fino alle 18 (con un massimo di 4 persone per tavolo, se non conviventi). Dopo le 18 possono comunque lavorare con le consegne a domicilio. La novità del nuovo Dpcm, rispetto alle misure precedenti, è che viene nuovamente previsto "l’asporto fino alle 22 dalle enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande", anche se rimane vietato consumare sul posto.

 

Novità per negozi e attività economiche

I negozi sono aperti in zona gialla e arancione. Nei giorni festivi e prefestivi, quindi nei weekend, rimangono però chiusi i centri commerciali. Al loro interno possono però rimanere aperte farmacie, parafarmacie, edicole, librerie, negozi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi. In zona rossa restano chiusi i centri estetici a cui si aggiungono, novità di questo Dpcm, anche parrucchieri e barbieri.

 

Musei, cinema e teatri

In zona gialla rimangono aperti i musei dal lunedì al venerdì, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza:  ingressi contingentati, distanza di almeno un metro tra i visitatori, uso della mascherina. Dal 27 marzo, tuttavia, si va verso la riapertura anche nei weekend. Si dovrà però prenotare con almeno un giorno di anticipo.

Sempre dal 27 marzo poi, se la curva dei contagi lo permetterà, potranno riaprire anche cinema e teatri. "A decorrere dal 27 marzo 2021, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi". La capienza massima permessa all'interno di questi luoghi non dovrà comunque superare il 25%: il numero massimo di spettatori non potrà essere superiore a 400 persone per gli spettacoli all'aperto e 200 per quelli al chiuso.

 

Ancora chiuse le palestre

Restano chiuse le palestre e le piscine, fino a data da destinarsi. Rimane consentita l'attività sportiva e motoria individuale: in zona gialla questa può essere svolta all'aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza evitando qualsiasi assembramento. Restano chiusi anche in zona gialla gli impianti sciistici.

 

Funzioni religiose

Possibili in base alle varie zone, nel rispetto delle misure di prevenzione, e regolate dai vari Protocolli sottoscritti e previsti negli Allegati

 

Questo il nuovo DPCM (clicca) e gli Allegati (clicca)

 

 


 

Comune di Canicattini Bagni - Via XX Settembre 42 - 96010 Canicattini Bagni (SR) 

TEL. CENTRALINO 0931540111 - 3346655824 - FAX 0931540207

email   PIVA N°00094260890

  XHTML Valido -  CSS Valido - Accessibilità