Sei qui: Home

Pubblicato il Decreto con le nuove misure per fronteggiare l’emergenza Covid nei posti di lavoro e nella scuola, obbligo di vaccinazione dai 50 anni in poi

Scritto da Gaetano Guzzardo    Lunedì 10 Gennaio 2022 11:35

DL-07.01.2022

Pubblicate le nuove misure urgenti del Governo per fronteggiare l’emergenza COVID-19 attraverso il Decreto Legge n. 1 del 7 gennaio 2022 (leggi) che stabilisce l’obbligo vaccinale, soprattutto nelle scuole e nei posti di lavoro, per tutti coloro che hanno compiuto i 50 anni e, per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età, l’obbligo del Green Pass Rafforzato per l’accesso, dal 15 febbraio 2022, ai luoghi di lavoro.

Il Decreto, entrato in vigore l’8 gennaio 2022, prevede, altresì, nuove regole per i casi di positività nelle scuole e negli istituti della formazione superiore.

 

Obbligo di vaccinazione

 

Sino al 15 giugno 2022 al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, l’obbligo vaccinale per la prevenzione dell’infezione da Covid-19, si applica ai cittadini italiani e di altri Stati membri dell’Unione europea residenti nel territorio dello Stato, nonché ai cittadini stranieri, che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di età.

L'obbligo non sussiste in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal medico vaccinatore, nel rispetto delle circolari del Ministero della Salute in materia di esenzione dalla vaccinazione anti SARS-CoV-2; in tali casi la vaccinazione può essere omessa o differita.

L’avvenuta immunizzazione a seguito di malattia naturale, comprovata dalla notifica effettuata dal medico curante, determina il differimento della vaccinazione.

 

Sanzioni pecuniarie

 

Il Decreto prevede che, in caso di inosservanza dell'obbligo vaccinale, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 100 in uno dei seguenti casi:

a) soggetti che alla data del 1° febbraio 2022 non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario;

b) soggetti che a decorrere dal 1° febbraio 2022 non abbiano effettuato la dose di completamento del ciclo vaccinale primario nel rispetto delle indicazioni e nei termini previsti con circolare del Ministero della salute;

c) soggetti che a decorrere dal 1° febbraio 2022 non abbiano effettuato la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario entro i termini di validità delle certificazioni verdi COVID-19.

 

Estensione dell’impiego dei certificati vaccinali e di guarigione sui luoghi di lavoro

 

Per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età, il Decreto prevede il Green Pass Rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro a far data dal 15 febbraio prossimo.

L’obbligo vaccinale è esteso, senza limiti d’età, al personale universitario così equiparato a quello scolastico.

I lavoratori, nel caso in cui comunichino di non essere in possesso della certificazioni o che risultino privi delle stesse al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, sono considerati assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione delle predette certificazioni, e comunque non oltre il 15 giugno 2022, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro.

Per i giorni di assenza ingiustificata di al primo periodo, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati.

 

Impiego dei certificati vaccinali e di guarigione

 

Fino al 31 marzo 2022, l'accesso ai seguenti servizi e attività è consentito esclusivamente ai soggetti in possesso delle certificazioni verdi Covid-19, di vaccinazione e guarigione:

  1. servizi alla persona (a partire dal 20 gennaio 2022);
  1. pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali, fatte salve quelle necessarie per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona, individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, d’intesa con il Ministro dello Sviluppo economico e della pubblica amministrazione, da adottarsi entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione (a partire dal 1° febbraio 2022);
  2. colloqui visivi in presenza con i detenuti e gli internati, all'interno degli istituti penitenziari per adulti e minori.

Scuola

 

In ambito scolastico il Decreto stabilisce delle nuove regole per la gestione dei casi di positività. Nello specifico:

1) nella scuola dell’infanzia, in presenza di un caso di positività è prevista la sospensione delle attività per una durata di dieci giorni;

2) nella scuola primaria (scuola elementare):

- con un caso di positività, si attiva la sorveglianza con testing. L’attività in classe prosegue effettuando un test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività (T0), test che sarà ripetuto dopo cinque giorni (T5);

- in presenza di due o più positivi è prevista, per la classe in cui si verificano i casi di positività, la didattica a distanza (DAD) per la durata di dieci giorni;

3) nella scuola secondaria di I e II grado (scuola media, liceo, istituti tecnici etc etc):

- fino a un caso di positività nella stessa classe è prevista l’auto-sorveglianza e con l’uso, in aula, delle mascherine FFP2;

- con due casi nella stessa classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, che sono guariti da più di 120 giorni, che non hanno avuto la dose di richiamo. Per tutti gli altri, è prevista la prosecuzione delle attività in presenza con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine FFP2 in classe;

- con tre casi nella stessa classe è prevista la DAD per dieci giorni.

 

Resta fermo, in ogni caso, il divieto di accedere o permanere nei locali scolastici con sintomatologia respiratoria o temperatura corporea superiore a 37,5°.

 

 

 


 

Comune di Canicattini Bagni - Via XX Settembre 42 - 96010 Canicattini Bagni (SR) 

Tel. centralino 0931540111 -  Fax 0931540207 - P. IVA N° 00094260890

Email: info@comune.canicattinibagni.sr.it  - PEC:  comune.canicattinibagni@pec.it   

  XHTML Valido -  CSS Valido - Accessibilità - Privacy